Pollino – la tradizione in uno scatto

La tradizione in uno scatto.
Dalla cucina del Pollino, uno dei piatti tipici e più buoni del Parco.

Qui le “lagane”, un tipo di pasta fresca simil tagliatella, con impasto semplice di acqua e farina. Trovano la loro esplosione di sapore accompagnati dai fagioli o ceci. Buon appetito :)!

Un post condiviso da Biagiod (@bbiagiod) in data:

Ponte Immacolata nel Pollino 2011

Nell’area del Pollino la spillatura del vino novello è un cerimoniale antico.

Ancora oggi tra il 6 e il 10 dicembre numerose sono le iniziative che ricordano la festa tramandanta di generazione in generazione.

Tutti gli interessati a trascortrere il Ponte dell’Immacolata sul Pollino suggerisco le seguenti manifestazioni:

Festa dei Perciavutti – dal 6 al 8 dicembre 2011 – Mormanno (CS)
Festa della spillatura del vino novello con stand enogastronomici all’interno dei 4 rioni.

 

foto di pracucci - licenza d'uso in Creative Commons

I sentieri del gustoCastrovillari (CS)
dall’8 all’11 dicembre 2011
ore 10 – Apertura stand prodotti tipici con gastronomia a sorpresa fino alle 22

A Pricicch’Castelluccio Inferiore (PZ)
10 dicembre 2011
Tradizionale festa per la spillaura del vino novello
ore 20 – Apertura stand prodotti tipici e degustazione vino novello all’interno del borgo medioevale.

“Feste e riti d’Italia – sud 1”, speciale Madonna del PollinoTerranova del Pollino (PZ)
10 dicembre 2011
ore 16 – Presentazione volume, workshop con esperti e protagonosti della festa, documentari, esibizione di musica di tradizione orale.

Carnevale nel Pollino 2011: Alessandria del Carretto

Il Carnevale di Alessandria del Carretto (Cs) va in scena domenica 6 marzo 2011.

L’antico evento propone due maschere tipiche: ‘u pohicinelle bielle e ‘u pohicinelle brutte.

La figura bella indossa sul viso una maschera verniciata di bianco dal volto anonimo, con un particolare cappelletto (un’artificiosa costruzione artistica) in cui vi è posto uno specchio sul davanti, quasi a significare che la maschera nasconde, ma non si può sfuggire di fronte alla realtà.
Ultimo accessorio di questa festosa maschera è “u scruiazzo” bastone di legno, lavorato con incisioni varie dai falegnami locali.

Questa particolare maschera si aggira per il paese portando allegria e buonumore. I suoi coriandoli sono la farina.

La figura brutta, invece, conosciuta anche col nome di “l’Uerse”, è costituita da un travestimento con pelle di capra o di pecora di colore nero, con catene e campanacci.
 Questa maschera simboleggia scherzi pesanti perché immedesima il male, la bruttezza.

I suoi coriandoli erano rappresentati dalla cenere.
Oggi questa maschera è completamente scomparsa, ma non dalla memoria popolare.

Carnevale nel Pollino 2011: Teana

La Sfilata di Carnuluvar (di Carnevare) di questo piccolo centro del Pollino, conserva ancora oggi antiche tradizioni, tradizioni del tutto particolari.

Il Carnevale di Teana (Pz) è caratteristico perchè nel suo svolgimento è possibile rivedere in chiave ironica e ridicola la passione di Gesù (descrizione di G. Cosenza)

I protagonisti sono U’ Pezzente, un mendicante che raccoglie in una sacca i denari; Carnevale, un contadino povero, che ozia e beve; e Quaremma, la moglie di Carnevale innamorata del marito nonostante trascuti i loro sette figli.

Carnevale per la sua cattiva condotta viene arrestato dai carabinieri e trascinato con le corde. Insieme a lui anche un’altra figura è condotta dai carabinieri, l’Orso.

Dopo aver attraversato le strade del paese avviene il processo a Carnevale che come nella Giudaica, anche qui il Giudice lascia al popolo la decisione finale di condanna.
L’esecuzione si conclude con la fuga dell’Orso, che porta via con se il corpo straziato dalle fucilate di Carnevale; così, questa parodia della passione di Cristo termina. Tutta la giornata è totalmente improvvisata, anche se le uniche cose certe e stabilite sono i ruoli di ogni personaggio e chi li impersonerà.

Fonte Viaggiare nel Pollino

La manifestazione si svolge il 05 marzo 2011 nel corso della mattinata.

CastKarTuga 2010

Domenica 31 ottobre 2010 (ore 11-19) riflettori puntati sull’ “autodromo” di Castelluccio Inferiore (PZ) per la quarta edizione della corsa dei carretti “CastKarTuga-memorial Simone Prince”.

Ai piedi del Parco Nazionale del Pollino, i mezzi rigorosamente costruiti a mano si sfideranno lungo il tracciato cittadino, in cui si punta a recuperare l’antica tradizione popolare della costruzione artigianale dei “carretti”.

È una corsa al recupero dei materiali, è una corsa all’ecologia, è una corsa alla creatività, all’ingegno, allo stare insieme.

Verranno premiati i primi tre classificati, ma anche il carretto più veloce, il più creativo e il più fantasioso.

Info su: http://www.pollinofusionfestival.it

Tradizioni: Madonna del Pollino

I festeggiamenti legati alla Madonna del Pollino si svolgono a San Severino Lucano (Pz) nel cuore del Parco, che quest’anno ricadono dal 01 al 04 luglio 2010.

Un coinvolgente percorso porta i fedeli della Madonna del Pollino fin il Santuario (a quota 1537 mt). La processione, accompagnata da costumi tradizionali e canti spontanei, si snoda tra le tortuose vie del Pollino.

La festa vera e propria si svolge il primo venerdì e sabato di luglio. Infatti, al sabato, dopo la messa la statua viene portata in processione preceduta dalle donne che danzano con i cinti in testa.

Davanti il sagrato si svolge anche il rito pagano più bello: l’incanto. La statua della Madonna viene messa “all’asta” e il paese aggiudicatario avrà l’onore, non solo di portare in processione la Madonna, ma per un periodo dell’anno di ospitare in una propria Chiesa la statua stessa.

Sagra dell’Abete – Rotonda

Rotonda (PZ) – Parco Nazionale del Pollino

<<Nella notte tra l’8 e il 9 giugno numerosi “roccaioli” partono per prelevare l’abete dal bosco. I “pitaioli”, invece, si dirigono a prendere “a pitu”.  Ed è festa tutti i giorni fino al 13 giugno. Evviva Sant’Antonio>>

Video realizzato da Pollino Kombat