Dal nevaio del Pollino

Ottime notizie giungono dal nevaio del Pollino dove è stato effettuato lo scarico dei dati. Infatti, la stazione di rilevamento posta a 2.225mt, non ha subito danni dopo i venti burrascosi sul finire di dicembre.

Dopo aver liberato la struttura dal ghiaccio sono iniziate le consuete operazioni di sostituzione del datalloger (in foto Renzo). Ricordiamo che il dispositivo, dotato di una memoria interna, registra le temperature con un intervallo di 15 minuti che poi devono essere trasferiti su un pc per essere eleborati.

Spettacolare la vista sul nevaio e l’anticima del monte Pollino, con lo sguardo che si perde sulle coste del mar Ionio.

Ripristinata stazione meteo nevaio del Pollino

Dopo l’incidente avvenuto a novembre 2016 è stata ripristinata la stazione del nevaio del Pollino.

A quota 2.225 mt di altezza, dopo un primo intervento avvenuto a marzo 2017, da parte dei soci dell’Associazione Meteo Basilicata, l’arrivo dell’estate ha permesso il consolidamento della stazione di rilevamento più alta dell’Appennino.

Le primissime ondate fredde tra ottobre e novembre 2016, complici i fortissimi venti ed il peso del ghiaccio, hanno causato la rottura dei perni facendo perdere il datalogger e lo schermo solare. Prontamente è avvenuto l’acquisto di un nuovo sensore di rilevamento. Il nuovo dispositivo permette la campionatura fino a 32.000 dati, perciò, più capiente rispetto al precedente. Ciò permette di avere a disposizione un maggior lasso di tempo da uno scarico all’altro.
Questa non è l’unica nota positiva della giornata. Infatti, sotto i massi che sostengono la stazione, sono stati rinvenuti tutti i piatti che formano lo schermo solare andato perso nel 2016. Ringraziamo pubblicamente, chi ha provveduto a raccoglierli e farceli trovare sotto la stazione. Se la persona in questione legge questo post può contattarci, non solo per rendergli omaggio, ma anche per conoscere il luogo esatto del ritrovamento.
Un ultimo sguardo alla dolina del nevaio con una rigogliosa colorazione oro.

Con l’amico Umberto abbiamo provveduto allo scarico dei dati test, con una bella minima che vi comunicheremo a breve.

Il Progetto Nevaio del Pollino riprende e continua.

Dal nevaio del Pollino

Ultimi aggiornamenti dal nevaio del Pollino.

Vi mostriamo alcune foto che ritraggono il deposito di neve, a quota 2.225 mt di altezza, all’inizio ed alla fine di maggio 2017.

Le prime tre foto sono state scattate il 4 maggio da Info Pollino

L’ultima foto è stata scattata il 28 maggio da Giuseppe Cosenza

Progetto Pollino, punto della situazione

Il Progetto Pollino, guidato dall’Associazione Meteo Basilicata, ha iniziato il suo settimo anno di rilevazione. Costituito da 3 stazioni meteo, collocate in altrettanti punti strategici del territorio per il monitoraggio del microclima locale, coinvolge Piano Ruggio (1535 mt), i Piani del Pollino (1.777 mt), ed il nevaio del Monte Pollino (2.225 mt).

Il 2016 è stato un anno travagliato, con alcuni incidenti alle stazioni meteo che hanno rallentato lo studio delle conche carsiche dell’area protetta. Tali episodi sintetizzano molto più delle parole della difficoltà del Progeto e della sua gestione.

Cerchiamo di fare il punto della situazione.

PIANO RUGGIO: L’analisi non ha conosciuto interruzioni nei periodi monitorati (Gen-Giu e Set-Dic). E’ stata l’unica stazione meteo a funzionare a piano regime. La temperatura minima assoluta è stata di -20,7 gradi registrata nel mese di gennaio, a cui si vanno ad  aggiungere i -19,1 gradi registrati a dicembre 2016.

PIANI DEL POLLINO: I dati disponibili sono compresi da gennaio ad aprile 2016. Dopodiché un problema di natura software ha inevitalbilmente falsato i dati. Purtroppo l’impossibilità di poter accedere mensilmente alla stazione per effettuare lo scarico dei dati, non ci ha fatto accorgere prima del problema. A novembre 2016 la stazione è stata ripristinata sperando che l’intoppo sia stato definitivamente risolto.

Nonostante tutto resta il luogo più freddo dell’inverno 2016 con i -25,1 gradi registrati a febbraio 2016. Proprio i Piani del Pollino detengono il record di temperatura negativa registata sul Pollino con -30,8 gradi registrati a febbraio 2012.

NEVAIO DEL POLLINO: I dati disponibili sono compresi da gennaio a marzo 2016. La stazione più alta in Appennino e per questo maggiormente sollecitata alle intemperie meteorologiche ed i 2.225 mt di altezza si fanno sentire tutti. Burrasche di vento e ghiaccio hanno contribuito alla rottura dei perni che sostenevano la stazione, che è andata persa.

La temperatura minima registrata è stata di -16,6 gradi a gennaio 2016.

Ricordiamo che il tipo di stazioni meteo utilizzate, proprio per la complessità del territorio, non permettono una trasmissione dei dati in tempo reale. Le stazioni registrano le temperature e memorizzano i dati che vengono scaricati ed elaborati periodicamente due o tre volte l’anno. Questo è il motivo per cui si dispone dei dati qualche mese dopo l’effettiva registrazione.

Progetto Pollino, primi dati 2016

Finalmente sono disponibili i primi dati relativi alle temperature dell’inverno 2016 registrate dalle stazioni meteo del Parco Nazionale del Pollino.

Il Progetto Pollino condotto dall’Associazione Meteo Basilicata è costituito da 3 stazioni meteo collocate in altrettanti punti strategici del territorio per il monitoraggio del microclima locale.

Nella fattispecie lo studio è condotto sulla dolina di Piano Ruggio (1535 mt), sui Piani del Pollino (1.777 mt), ed in prossimità del nevaio del Monte Pollino (2.225 mt).

PIANO RUGGIO: Nonostante l’inverno 2016 sia stato limitato a pochi episodi degni di nota, Piano Ruggio fa registrare una minima di -20,7 gradi nel mese di gennaio. Per valore assoluto, quella del 2016, addirittura è la terza minima negativa di tutta la serie storica. Rispetto lo scorso anno, possiamo annotare +4,1 gradi differenza, poichè a febbraio 2015 il termomentro ha raggiunto i -24,8 gradi.

Stazione meteo Piano RuggioPIANI DEL POLLINO: Il luogo più freddo dell’inverno 2016 sul Pollino con un sonoro -25,1 gradi. Solo un decimo di differenza rispetto febbraio 2015 quando la minima registrata fu di -25,2 gradi.
Ricordiamo che Piano Toscano, dove precisamente è collocata la stazione di rilevamento, detiene il record di temperatura negativa registata sul Pollino (dal 2011, anno in cui sono partite le rilevazioni) con i suoi -30,8 gradi del febbraio 2012.

NEVAIO DEL POLLINO: La stazione più alta in Appennino fa registrare una minima di -16,6 gradi a gennaio 2016. +2,5 gradi di differenza rispetto la minima registrata a febbario 2015 (-19,1 gradi). La stazione registra i valori in atmosfera, per cui non risente degli effetti provocati in una classica dolina (veloce e cospicuo raffreddamento). Questo spiega il motivo per cui le temperature minime registrate siano meno fredde nonostante il punto di rilevamento sia ad una quota altimetrica più elevata. Le rilevazioni sul nevaio ci permettono di osservare come anche il microclima locale abbia risentito dell’anomalia termica dell’inverno 2016, decretando temperature sopra la media.

5. Nevaio del Pollino UmbertoRicordiamo che il tipo di stazioni meteo utilizzate, proprio per la complessità del territorio, non permettono una trasmissione dei dati in tempo reale. Le stazioni registrano le temperature e memorizzano i dati che vengono scaricati ed elaborati periodicamente due o tre volte l’anno. Questo è il motivo per cui si dispone dei dati qualche mese dopo l’effettiva registrazione.