Al nevaio del Pollino

Il nevaio del Pollino è nella sua massima espressione stagionale. Con l’arrivo della primavera è finalmente raggiungibile e rappresenta una meta affascinante per gli appassionati. E’ posto a 2.225 metri di altezza in prossimità della vetta del Monte Pollino.

Le foto che ci giungono sono state realizzate dai soci dell’Associazione Meteo Basilicata in collaborazione dell’ Associazione Gruppo Lupi San Severino Lucano, che ci permettono di apprezzare “in tempo reale” la portata di quest’anno.

Ringraziamo per le foto Maurizio, Giovanni, Renzo, Carmela e Saverio. Ad maiora!

 

 

Dal nevaio del Pollino

Ottime notizie giungono dal nevaio del Pollino dove è stato effettuato lo scarico dei dati. Infatti, la stazione di rilevamento posta a 2.225mt, non ha subito danni dopo i venti burrascosi sul finire di dicembre.

Dopo aver liberato la struttura dal ghiaccio sono iniziate le consuete operazioni di sostituzione del datalloger (in foto Renzo). Ricordiamo che il dispositivo, dotato di una memoria interna, registra le temperature con un intervallo di 15 minuti che poi devono essere trasferiti su un pc per essere eleborati.

Spettacolare la vista sul nevaio e l’anticima del monte Pollino, con lo sguardo che si perde sulle coste del mar Ionio.

Monte Pollino, la mia prima nord

La prima nord non si scorda mai!
Così come tutte le prime volte anche le escursioni in montagna sono indimenticabili.

Se poi queste hanno delle eccezionalità, allora si che le uscite resteranno per sempre indelebili. E’ il caso della mia ultima escursione, la mia prima volta sulla parete nord-est del Monte Pollino (2.248 mt). Partenza da un Colle Impiso ghiacchiato dove la temperatura è di qualche grado sotto lo zero. Una magnifica alba ci scalda, non tanto per il sole che si alza, ma per gli scenari che madre natura ci regala.

All’interno del bosco innevato, sotto i rami decorati dal bianco della neve, giungiamo alla sorgente Spezzavummula (1664 mt) quasi nascosta dalla coltre bianca. Qui una breve pausa prima di ricominciare alla volta del Monte Pollino per la via normale.

La salita comincia ad essere sempre più faticosa, fatica dettata sia dalla pendenza più elevata ma soprattutto per il sentiero innevato, che senza alcun calpestio precedente, mette a dura prova le nostre gambe.

Quando il peggio sembrava passato si presenta una situazione ancora peggiore. L’assenza del percorso tracciato rende il costone un’unicum. Il piccolo strato superficiale delle neve, sopra uno spessore di ghiaccio, non permette alle ciaspole di attecchire con efficacia sul fondo. Faccio un passo in avanti e ne perdo due andando indietro, avanzo di poco ma perdo metri. Sulla scia dei compagni di spedizione Giovanni, Renzo e Umberto, riesco a passare anche i tratti più pericolosi come all’uscita della balconata verso il Pollinello.

Dopo l’arrivo in vetta ci prepariamo per la discesa per il versante nord-est. Tolte le ciaspole si fa affidamento solo alla forza delle gambe e alla tecnica del freno-tallone.

Le pendenze sono impegnative, addirittura in alcuni tratti si supera il 50%, che riesco a passare solo con l’aiuto della picozza. Non c’è tempo per guardarsi attorno, una distrazione potrebbe costare caro. Massima concetrazione e passo dopo passo giungiamo ai limiti del bosco sopra i Piani del Pollino. Da li si fa ritorno alla base, passando per i Piani di Vacquarro.

Nostalgico tramonto

Le vette del Pollino tinte di bianco lambite dagli ultimi raggi di sole.

Le accensioni delle luci ci indicano il calare della sera, per un nostalgico tramonto.

Si ringrazia Santino De Luca realizzatore del progetto web cam.

La webcam posizionata sopra l’abitato di San Severino Lucano punta, da sinistra verso destra il Monte Pollino (2248 mt), Serra del Prete (2181 mt), monte Grattaculo (1891 mt) e sullo sfondo Coppola di Paola (1919 mt).

Prima spruzzata di neve

Una leggera spolverata ha colpito il Pollino a circa 1900-2000 metri di altezza.
Una prima spruzzata di neve è stata visibile le prime ore dell’8 ottobre 2017.

In foto il Monte Pollino (2.248 mt) da San Severino Lucano

Si ringrazia Santino De Luca per la foto

 

Al Patriarca del Pollino

Il Patriarca del Pollino è il più longevo esemplare di Pino Loricato presente in Italia. Con i suoi quasi 1000 anni di età è tra i più importanti alberi monumentali del nostro Paese.

Per raggiungere il Patriarca partiamo da Colle dell’Impiso (1560 mt) in una giornata tipicamente estiva. Raggiungiamo la sorgente Spezzavummule (1664 mt) e notiamo gli effetti della siccità estiva. La fonte, seppur presente con le sue acque limpide e freschissime, ha una portata minimale rispetto le normali capacità.
Riempiamo le bottiglie e sbuchiamo immediatamente a Colle Gaudolino (1680 mt).

Le condizioni climatiche condizionano la scelta del percorso, infatti, fin da subito stabiliamo di raggiungere la meta tramite il Bosco del Pollinello e non tramite il sentiero che si inerpica sulla spalla sud-ovest del Monte Pollino. Questo percorso, all’ombra della faggetta, sale dolcemente, dove esemplari giovani di Pino Loricato stanno riconolizzando i costoni rocciosi.

In una spaccatura di una di esso, immerso nella faggeta in direzione Monte Pollino, quasi 1000 anni fa nasceva il Patriarca del Pollino, un albero dalle dimensioni uniche, alto 12 metri e largo 6. La grandezza è incommensurabile, soprattutto osservando i rami dello stesso. Quelli che sarebbe tronchi di un normale albero, qui sono rami.
Ammiriamo un’opera d’arte della natura, di cui la certificazione dell’età risale agli anni ’80 su segnalazione di Giorgio Braschi. C’è chi scommette, appunto, che altri alberi seppur non accertati superebbero l’età del Patriarca.

Non vi resta che infilare gli scarponi e visitare un patrimonio di un inestimabile valore.