Ultime dal nevaio del Pollino

Metri di neve al nevaio del Pollino.

Ecco le foto che ci giungono da Giovanni Stimolo, Renzo Stimolo e Umberto Genovese.
Le immagini ci mostrano un nevaio colmo di neve, frutto delle abbondanti nevicate che si sono protratte fino gli inizi di aprile 2015.

Le immagini immortalano la situazione sia al 25 aprile 2015 (1) che al 2 maggio 2015 (2).
Nei cerchi rossi, il focus sulla stazione meteo. Dalla sua dimensione (1 metro e mezzo) possiamo capire meglio l’imponenza del nevaio.

Nevaio al 25_apr_StimoloNevaio_al_2_mag_UmbertoGrazie ai ragazzi del Gruppo Pollino, sempre in prima linea, che per merito della loro passione ci permettono di commentare queste meravigliose immagini.

Il ritorno sul monte Pollino

Giornata fantastica sul Pollino. Insieme a Renzo Umberto e Nunzio abbiamo scalato il Monte Pollino 2.248 mt salendo dalla via “normale” e scendendo dalla spalla nord. La quantità di neve è davvero consistente ma confortati da un calo del pericolo valanghe abbiamo deciso di salire oggi approfittando anche delle condizioni meteo favorevoli.
Costone Monte Pollino

Massima attenzione nei punti critici ma salita e soprattutto discesa fantastica su una spalla nord coperta da una bellissima neve farinosa. Escursione davvero eccezionale.

Giovanni e Renzo Stimolo

Un nevaio stracolmo di neve

Sensazionali immagini ci arrivano dal nevaio del Monte Pollino posto a 2.225 mt di altezza.

Gli scatti che ci giungono dagli instancabili Umberto Genovese, Giovanni Stimolo, Renzo Stimolo, e Nunzio Carissimo, ci mostrano un nevaio stracolmo di neve, con pareti importanti.

6

Le foto, che sono le prime disponibili in questo 2015, ci fanno ben sperare per avere un nevaio consistente anche agli inizi della prossima estate.

La rigidità dell’inverno può essere sintetizzata dalle foto che immortalano la stazione meteo completamente ricoperta di ghiaccio. Lo spesso strato ha messo a dura prova la stazione, come ci confermano Umberto, Giovanni e Renzo Stimolo, ma un intervento di manutenzione ha ristabilito la sua solidità. Stazione_nevaio

Solo grazie all’impegno e alla passione degli “scalatori” del gruppo Pollino che l’Associazione Meteo Basilicata può pubblicare a tutti voi le temperature strabilianti del Parco Nazionale del Pollino. Permettetemi di ringraziarli ancora, ma senza l’ordinaria e la straordinaria manutenzione delle stazioni di rilevamento, tutto questo non esisterebbe. Grazie ragazzi.

Foto di Umberto Genovese, Giovanni e Renzo Stimolo

Autunno nel Pollino? -6,4 gradi C sul Nevaio

Ecco a voi disponibili i dati da settembre a novembre registrati sul nevaio del Monte Pollino a 2225 mt di altezza.

Tre mesi con minime più fredde tutte negative, con i -0,7° C di settembre 2014, -6,4° C di ottobre 2014 ed – 3,2°C di novembre 2014.

Cattura

Giorno 23 ottobre quindi il giorno più freddo, giorno in cui si sono registrate le prime nevicate nell’Appennino centro-meridionale.

Curioso il dato del 30 novembre 2014 con la massima più calda da luglio 2013: +22,2°C.

La stazione di del Nevaio del Pollino rientra nel Progetto Pollino, portato avanti con non pochi sforzi, in maniera gratuita,  dall’Associazione Meteo Basilicata e da Meteoweb, che continuano a investire sul Progetto nonostante i molteplici furti delle stazioni meteo.

Il Nevaio su Radio3Scienza: sintesi

Ecco la sintesi del racconto del Nevaio del Pollino avvenuto a Radio3scienza il 20 settembre 2014 in occasione di Materadio la festa di Radio3.

Questo sito o strumenti terzi che da questo sito vengono utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento della navigazione. Proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.  

Ospiti Enzo Scasciamacchia (Associazione Meteo Basilicata), Luigi Bloise (Geologo Ente Parco Nazionale del Pollino), Luca Mercalli (meteorologo e climatologo).

Ancora Piviere Tortolino

Era il 16 settembre del 2012 quando durante una delle nostre escursioni su Serra delle Ciavole abbiamo incontrato e fotografato questo simpatico volatile: il Piviere Tortolino.

Piviere Tortolino Pollino

Ignoravamo la specie e solo dopo con l’aiuto di El Indio abbiamo constatato che si trattava di una specie di grande interesse dal punto di vista conservazionistico. Il Piviere Tortolino, un migratore per eccellenza, che sverna in Africa settentrionale, centrale e Medio Oriente, rarissimo in Italia e nidificante solo occasionale. Le altissime montagne che circondano Livigno, in Lombardia, oltre a una piccola area sui Monti della Maiella, in Abruzzo, sono gli unici due siti di nidificazione accertati, per una specie che sceglie il nostro Paese molto raramente, per costruire il nido.

“Colpa” di esigenze ecologiche piuttosto complesse, prima tra tutte la necessità di avere buona disponibilità di cibo nonostante le quote elevate. (Cit.www.uccellidaproteggere.it).

Piviere Tortolino Pollino Piviere Tortolino Pollino 1L’anno scorso, lo abbiamo avvistato nuovamente a fine Agosto durante una nostra uscita sulla Via dell’infinito che porta al Dolcedorme. In quell’occasione però non siamo riusciti a fotografarlo. Quest’anno, e più precisamente il 14 settembre lo abbiamo avvistato su monte Pollino e più tardi anche fotografato su Serra Dolcedorme. Si trattava di un nutrito gruppo di una ventina di individui. Visto il periodo, molto probabilmente è solo di passaggio per andare a svernare in Africa, ma chissà un domani potrebbe anche scegliere le vette del Pollino per nidificare.

Noi ne saremmo felicissimi!