Il nevaio del Pollino tra i geositi del Parco

Il Parco Nazionale del Pollino, ha individuato, cartografato e caratterizzato 75 Geositi ricadenti all’interno del proprio territorio.

Tale lavoro rappresenta la prima fase per la richiesta di ammissione del Parco alla Rete Europea e Globale dei Geoparchi promossa dall’UNESCO.

nevaio_geosito nevaio_geosito_aTra i siti individuati spicca il Nevaio del Monte Pollino, monitorato dall’Associazione Meteo Basilicata dal 2009 tramite il Progetto Pollino.

IMG_7042“Siamo convinti che la nostra azione di monitoraggio e di divulgazione scientifica delle rilevazioni termiche e fotografiche in atto da 6 anni, abbia influito positivamente nella scelta del Nevaio come Geosito. Siamo sicuri che il Nevaio del Pollino, sconosciuto a molti prima della nostra azione, diventerà tra i luoghi più rappresentatiti tra quelli selezionati. Facciamo un grande in bocca al lupo all’Ente Parco affinchè il Pollino possa divenire Geoparco, con l’auspicio di poter coadiuvare gli sforzi”.

Gli elaborati predisposti per la candidatura a Geoparco sono stati realizzati in collaborazione con gli Ordini Regionali dei Geologi della Calabria e della Basilicata, l’Ordine Nazionale dei Geologi, l’ISPRA, e esperti scientifici del settore, oltre che con la collaborazione di docenti universitari dell’Università della Basilicata e di singoli liberi professionisti operanti all’interno del territorio del Parco.