Al via il Giro di Basilicata

Attesa per la 29^ edizione del Giro Internazionale di Basilicata (classe Juniores), che quest’anno per la prima volta in assoluto prende il via dal Parco Nazionale del Pollino, e precisamente da Castelluccio Inferiore (PZ).

Infatti, venerdì 10 settembre alle ore 15 partenza della prima tappa ciclistica con arrivo a Viggiano (PZ) per un totale di 84 km. Al via 27 le squadre iscritte di cui 18 italiane (formazioni di club e rappresentative regionali) e 9 nazionali straniere (tra cui Stati Uniti, Russia, Germania e Israele). Un importante finestra per Castelluccio Inferiore, che ha sbaragliato la concorenza di altre pretendenti regionali, tra una delle corse juniores ciclistiche maggiormente rilevanti nel panorama internazionale.

Saranno 3 i giorni di gara e un totale di 295 chilometri da percorrere, nel dettaglio:

1^ tappa : Castelluccio Inferiore – Viggiano
2^ tappa : Matera – Genzano di Lucania
3^ tappa : Acerenza – Bella

Di seguito la diretta:


ore 10.30 – ore 13.30  – ore 21

Lottomatica per il Pollino

La notizia non è recente, ma merita di essere inserita tra i post di questo blog per darne visibilità anche ai nostri lettori.

Lottomatica utilizzerà alcuni fondi ricavati dal “Gioco del Lotto” per riforestare un area del Parco Nazionale del Pollino.
L’azione, che rientra nel più ampio progetto “Parchi per Kyoto“, ha come obiettivo compensare le emissioni di CO2 generate dalla produzione delle schedine del Gioco del Lotto 2009 , per le quali sono state calcolate  emissioni per circa 1.417 tonnellate.

L’intervento avrà luogo su cinque ettari all’interno del territorio di Morano Calabro (CS), dove troveranno posto 2.200 esemplari dell’autoctono Pino Loricato e di Pino Nero, in un area soggetta a tagli boschivi ed episodi incendiari.

Prodotti editoriali del Pollino

Naturalmente Pollino è in grado di presentarvi in esclusiva i prodotti editoriali adottati dal Parco Nazionale del Pollino fatti conoscere al pubblico durante le festività natalizie.

Si tratta di una cartina turista del Parco, della guidaPollino Outdoor” e di tre DVD, che verranno distribuiti dagli operaturi turistici dell’area protetta, ai visitatori del Parco.

I DVD dai titoli “Il Pino Loricato”, “Percorsi di Fede”, “I corsi d’acqua e i mulini del Parco del Pollino…” hanno come obiettivo far conoscere alcune specificità antropologiche e naturali dell’area, mentre la cartina turistica e la guida, sono rivolte verso tutti coloro che vogliono informarsi sulle attività outdoor da praticare nel vasto territorio protetto.
La guida “Pollino Outdoor”, uscita come supplemento della rivista Trekking&Outdoor nel mese di settembre 2009 acquistabile qui, è sicuramente un prodotto di fattura superiore, in quanto racchiude in 97 pagine, consigli sui percorsi trekking da praticare, consigli sulle attività per divertirsi in sintonia con la natura, e consigli sui cibi da degustare.

In generale è da apprezzare la manovra dell’Ente Parco che ha portato per la prima volta l’elaborazione di materiale multimediale divulgativo. Si spera però, che tali siano solo un primo passo verso il miglioramento degli stessi e che nel futuro ci sia spazio per la creazione di una carta escursionistica professionistica per l’interno territorio del Pollino.

Stazione meteo sul Pollino

Domenica 22 marzo 2009 alle ore 11.30 sarà inaugurata dal CAI di Castrovillari e dall’ Associazione MeteoWeb di Reggio Calabria una nuova stazione di rilevamento meteorologico.

Essa sarà installata nel rifugio “Biagio Longo”, in contrada Campolongo nel territorio di Mormanno, nel Parco Nazionale del Pollino.

L’Associazione MeteoWeb ONLUS, partner di vecchia data del CAI per una serie di progetti sul monitoraggio ambientale e sulla tutela del territorio, realizzerà con i propri tecnici l’installazione dell’importante strumento meteorologico nella giornata di sabato 21, e nella mattinata di domenica 22 verrà tagliato il nastro inaugurale alla presenza delle autorità istituzionali e civili del territorio.

I dati meteorologici saranno pubblicati online sul web, nei siti internet della rete del CAI e di MeteoWeb, e consentiranno a chiunque di avere le notizie sul clima del Pollino, oltre che a fornire una possibilità di studio del clima locale.

MeteoWeb sul Pollino ha iniziato a realizzare il Progetto Pollino  a Piano Ruggio, con il monitoraggio di una delle conche carsiche più interessanti dell’Appennino, progetto che si appresta ad allargarsi all’Orsomarso con il monitoraggio metereologico dei piani di Masistro nel territorio del comune di Saracena.

Chiunque volesse aggregarsi è il benvenuto!

Per ulteriori informazioni.
Forum di Meteoweb o 328.0745513

CAI Castrovillari – 334.1005054

Pollino, il parco virtuoso

Il 28 ottobre 2008, il presidente del Parco Nazionale del Pollino, l’ on. Domenico Pappaterra, è stato ospite della trasmissione di Antonio Cianciullo andata in onda sulla web tv della testata giornalistica de “La Repubblica“.

Il motivo di tanto interesse del media italiano verso il Pollino, è stato il virtuosismo dimostrato dell’Ente Parco nella lotta anticendi per l’estate appena trascorsa.
Come si è spiegato in studio, il Pollino ha adottato un sistema adoperato già in passato per l’Aspromonte, che ha contrastato efficaciemente il fuoco doloso, con un abbattimento sia dei danni all’ambiente e sia dei costi economici.

Il piano antincedio, infatti, ha contato sulla collaborazione dei volontari della protezione civile per il controllo, l’avvistamento e lo spegnimento dei focolai. Si è invertita così una gravosa tendenza, che se nel passato, prevedeva l’elargizione di finanziamenti a pioggia in proporzione agli interventi di spegnimento, ora si basa su un un sistema a premi, che finanzia esclusivamente i gruppi di volontari che hanno ridotto la superficie incendiata a loro assegnata.
    
Tuttavia, bisogna segnalare che, se il piano ha ridotto gli incendi dolosi, non ha ridotto il rischio di potenziali incendi gravissimi nel cuore nel Pollino. Infatti, la guida ufficiale Giuseppe Cosenza, ha denunciato ben tre fuochi (accesi per riscaldarsi), utilizzando le radici dei millenari Pini Loricati.
Episodi deplorevorli che si sono ripetuti evidentemente, perchè nessuna guardia è predisposta constantemente al controllo dell’area più preziosa del Pollino.