Dal nevaio del Pollino

Ottime notizie giungono dal nevaio del Pollino dove è stato effettuato lo scarico dei dati. Infatti, la stazione di rilevamento posta a 2.225mt, non ha subito danni dopo i venti burrascosi sul finire di dicembre.

Dopo aver liberato la struttura dal ghiaccio sono iniziate le consuete operazioni di sostituzione del datalloger (in foto Renzo). Ricordiamo che il dispositivo, dotato di una memoria interna, registra le temperature con un intervallo di 15 minuti che poi devono essere trasferiti su un pc per essere eleborati.

Spettacolare la vista sul nevaio e l’anticima del monte Pollino, con lo sguardo che si perde sulle coste del mar Ionio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.