Andar per Castagne nel Pollino

Se la fine dell’estate può portare in molti di noi malinconia e tristezza, l’arrivo dell’autunno ci propone i più gustosi menù eno-gastronomici. Menù a base di funghi, vino e castagne.
Molti hanno ragione ad intristirsi ai primi freddi, ma vi propongo la ricetta giusta per vivere nel modo migliore questa stagione.

Approfittando del bel tempo, perchè, non uscire e trascorrere un pò di tempo per conoscere la natura, i suoi boschi, l’autunno e i suoi colori?  Armatevi di macchina fotografica e partite.

Un occasione è la raccolta delle castagne, divenendo così protagonisti con la Regina d’Autunno.  Nel Parco Nazionale del Pollino, così come in tutta la Basilicata, i boschi di castagno non mancano affatto.
Da Castelluccio (PZ) a Rotonda, da Viggianello a San Severino Lucano, sono molte le aree che possono regalarvi benessere e serenità.

Ma attenzione è fatto divieto di raccolta nei terreni privati, e di divieto di raccolta oltre i 2 kg.

Andar per castagne fa bene al nostro corpo: infatti, oltre a sollecitare il movimento fisico e vivere una giornata a stretto contatto con la natura, le castagne presentano numerose caratteristiche benefiche. Hanno proprietà toniche, energetiche, antisettiche e sono indicate per stitichezza, emorroidi, anemia. Sono ricche di fibra, di potassio e di vitamine del gruppo B.

I castagneti si trovano fra i 300 e i 1000-1200 m.s.l.m., adattandosi a temperature medie annue comprese fra 8 °C e 15 °C.

Ps. Ma attenzione a non confondere il castagno con l’ippocastano di cui i frutti non sono commestibili con sapore piuttosto amarognolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.